cabine doccia

Cambiare vasca da bagno

Come cambiare vasca da bagno con un moderno box doccia

Il cambiare vasca da bagno con una cabina doccia funzionale oppure con un box doccia è un’esigenza  di  tutte le persone vogliose di ristrutturare il proprio bagno, oppure renderlo accessibile in caso di difficoltà motorie.

Cambiare la vasca da bagno con un  box doccia è un’operazione molto semplice in termini di tempo, una squadra di operai qualificati può realizzarla in 8 ore di lavoro senza ricorrere ad opere murarie.

Perché cambiare vasca da bagno con doccia?

cambiare vasca da bagno

cambiare vasca da bagno

La sostituzione vasca con doccia può interessare a persone che acquistano un abitazione con una vasca da bagno e vogliono la sostituzione vasca per rendere il bagno più moderno e confortevole.

La trasformazione vasca in doccia può essere necessaria anche a persone anziane o diversamente abili con la necessità di eliminare una barriera pericolosa come la vasca da bagno.

Oggi cambiare vasca da bagno vuol dire maggiore sicurezza, una comoda cabina multifunzione permette di dedicarsi alla propria igiene in piena sicurezza.

La trasformazione vasca in doccia è utile anche a chi deve ristrutturare il proprio bagno e guadagnare anche qualche metro di spazio in più.

Fiscalmente è conveniente cambiare vasca da bagno con doccia?

Oggi il cambio vasca da bagno in doccia è un’operazione molto conveniente dal punto di vista fiscale.

Grazie alle agevolazioni fiscali e contributi è possibile abbattere il costo d’acquisto attraverso la detrazione fiscale.

Trasforma la tua vecchia vasca in una comoda e funzionale doccia, richiedi un preventivo gratuito,avrai uno sconto immediato del 10% .

L’agenzia delle entrate con la circolare 3/E del 2 marzo 2016 ha chiarito che la sola sostituzione vasca da bagno con doccia non può essere considerata come un intervento agevolabile.

La trasformazione vasca in doccia, equivalendo a una semplice sostituzione dei sanitari, è un’operazione di manutenzione ordinaria della propria abitazione e, pertanto, non andrebbe a ricadere fra quegli interventi ammessi al beneficio della detrazione del 50% ai fini Irpef.

Inoltre, a rigor di legge, questo intervento non si può nemmeno totalmente configurare come un’opera volta all’abbattimento delle barriere architettoniche, almeno stando a quanto disposto dalla Legge n.13/1989 e dal D.M. 236/1989.

Tuttavia, sempre con la Circolare 3/E del marzo 2016, è la stessa Agenzia delle Entrate a suggerire come poter rendere agevolabile la sostituzione vasca da bagno con doccia.

Nel caso si pianificasse un intervento di profonda ristrutturazione del bagno che preveda anche cambiamenti strutturali o modifiche all’impianto idrico, la sostituzione  vasca da bagno  con una docciaverrà effettuata nel quadro di un intervento di manutenzione straordinaria e, pertanto, sarà pienamente e legittimamente agevolabile dal momento che, in edilizia, le opere di categoria superiore inglobano quelle di categoria inferiore.

Quindi, alla domanda se sia possibile beneficiare del 50% di detrazione Irpef, qualora si voglia trasformare la propria vasca in una più comoda e pratica doccia la risposta è sì, a patto che tale opera rientri nel quadro di una più ampia ristrutturazione del proprio bagno.

Cambiare vasca da bagno: quale box doccia scegliere?

L’installazione doccia al posto della vasca è un’operazione molto semplice. Una delle prime scelte da compiere nel sostituire vasca con doccia è quella del box doccia.

Con la trasformazione vasca con doccia possiamo scegliere se installare un semplice box doccia oppure una cabina doccia multifunzione dotata di bagno turco e spa interna.

I box doccia differiscono fra loro per la forma, il design, il materiale dei pannelli, il tipo di apertura, il tipo di entrata.

Forma

La forma è il fattore di scelta fondamentale che guida la scelta del box doccia ed è dettata normalmente dalla forma del piatto doccia sul quale il box andrà ad essere installato: esistono piatti doccia (e quindi box doccia).

cambiare vasca da bagno

cambiare vasca da bagno


Design:

In commercio sono presenti due tipi di box doccia:

box doccia con profili (tradizionale)
box doccia senza profili (moderno e di design)

Materiali dei pannelli:

I pannelli dei box doccia possono essere in acrilico (lastre con spessore da 2 a 3 mm), generalmente stampati con disegni diversi e semitrasparenti oppure in cristallo temperato generalmente con spessori 3 mm., 4 mm., 6 mm. e con differenti finiture:

Trasparente, serigrafato, stampato, satinato.

I pannelli per box doccia in cristallo temperato sono meno economici non solo per motivazioni estetiche ma soprattutto perché il materiale, già più pregiato rispetto all’acrilico, viene sottoposto ad un processo termico mediante il quale si inducono particolari tensioni nella struttura del vetro allo scopo di conferire maggiori caratteristiche di resistenza e sicurezza (NORME UNI 7142).

Per questo motivo il cristallo temperato offre maggiore sicurezza rispetto all’acrilico ed è considerato un materiale assolutamente sicuro per le persone in quanto in caso di rottura, la lastra di cristallo si frantuma in una miriade di frammenti molto piccoli, senza punte e non taglienti.

Tipo di apertura:

I box doccia si classificano in base al tipo di apertura in:

scorrevoli: questi box doccia hanno il vantaggio di annullare l’ingombro della porta, molto utile nel caso di impedimenti all’apertura quali, bidet, lavabo, finestra, mobile, ecc.
a battente: questi box doccia hanno cerniere ad apertura verso l’esterno oppure interno/esterno.

Tipo di entrata:

I box doccia si classificano in base al tipo di apertura in:

Angolari con entrata ad accesso angolare attraverso ANTE che possono essere scorrevoli ed a battente.

Porte (Frontali) con entrata ad accesso frontale attraverso PORTE che a loro volta possono essere:
Scorrevoli
a Battente (Anta Girevole oppure Ante a Saloon)
a Soffietto (Ante pieghevoli)
a Tenda (in tessuto sintetico o naturale)

Lati fissi sono pannelli a complemento dei box doccia Angolari o delle Porte che vengono utilizzati per la realizzazione di varie combinazioni di box doccia (LATO FISSO + ANTA SCORREVOLE; DUE LATI FISSI + PORTA A SOFFIETTO, ecc.).

Cambiare vasca da bagno in doccia: le dimensioni del piatto doccia

Scegliere il piatto doccia giusto è importante nel momento di u cui decidiamo di scegliere una doccia al posto della vasca ed avere una doccia perfetta: offriamo una varietà di modelli in molte misure per permettere la completa personalizzazione della vostra doccia.

La scelta del piatto doccia al posto della vasca varia in base la forma, le dimensioni e l’altezza.

Forma:

La forma è il fattore di scelta fondamentale che determinerà successivamente anche la scelta del box doccia.
I piatti doccia si possono classificare in base alla forma in:

  • piatto angolare quadrato
  • piatto angolare rettangolare
  • piatto angolare semicircolare
  • piatto circolare

Dimensioni:

I piatti doccia si possono classificare in base alla dimensione in:

Angolari quadrati: cm. 65×65 70×70 75×75 80×80 90×90
Angolari rettangolari: cm. 72×90 70×100 70×120 80×100 80×120
Angolari semicircolari: cm. 80×80 90×90 (raggio cm. 55)
Angolari semicircolai asimmentrici: cm. 70×90 Dx/Sx (raggio cm. 38)
Circolari ( centro stanza)

Altezza:

STANDARD: ALTEZZA cm. 11/10/8
RIBASSATI: ALTEZZA cm. 6,5/5,0/4,5 (INSTALLABILI ANCHE A FILO PAVIMENTO)
I piatti ribassati sono espressione di un design moderno e hanno maggiori contenuti estetici; sono spesso poco profondi ma con uno scarico ø90mm per favorire un rapido deflusso dell’acqua.

Come possiamo realizzare la tua trasformazione vasca in doccia

Progettodoccia propone l’installazione di diverse tipologie di  box doccia e piatti doccia, ognuno con caratteristiche differenti in base al progetto e alle necessità del cliente.

Attraverso la trasformazione vasca in doccia possiamo realizzare differenti tipologie di cabine doccia a secondo dello spazio disponibile, è possibile installare box doccia ad angolo oppure in nicchia.

Le cabine docce di Progettodoccia sono completamente personalizzabili dalla scelta dei profili del box doccia alla tipologia di cristalli temperati dello spessore di 6 mm (trasparente, satinato, stampato).

Le soluzioni standard  prevedono l’installazione di piatti doccia in acrilico di altezza compresa tra 3 e 12cm. Su richiesta è possibile l’installazione a filo pavimento con totale rimozione di barriere architettoniche.

Trasformare la vecchia vasca da bagno in una cabina doccia comoda e moderna è  un operazione facile e veloce.

Installiamo la nuova doccia entro 10 giorni dal sopralluogo in sole 8 ore

Vorresti installare una doccia al posto della vasca? Due risorse utili per te:

Se ti è piaciuto quest’articolo condividilo. Grazie!

Sei interessato a ricevere informazioni sulla trasformazione vasca in doccia per rendere il tuo bagno accessibile e sicuro?

Richiedi preventivo trasformazione vasca in doccia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *